Comunicato Stampa

Oggi, 10 dicembre, Giornata Internazionale dei Diritti Umani, è l’anniversario dell’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata a Parigi il 10 dicembre 1948. Noi associazioni e organizzazioni attive nel Tavolo 7 Pace, Diritti Umani e Cooperazione Internazionale di Padova Capitale Europea del Volontariato 2020 sentiamo particolarmente importante questa giornata.

La sentiamo vicina perché nei mesi di Padova Capitale Europea del Volontariato 2020 insieme abbiamo focalizzato con maggior determinazione i nostri comuni obiettivi: perseguire la Pace, lavorare per la tutela dei Diritti Umani e diffonderne la consapevolezza, agire per il rafforzamento della Cooperazione Internazionale. Con la consapevolezza che i temi per i quali ci spendiamo sono più che mai rilevanti ma anche fortemente messi in discussione, sia nel nostro contesto italiano sia in altre latitudini del mondo.

In questo 2020 così faticoso, nel quale le disuguaglianze si sono rese ancor più visibili a causa della pandemia, ci siamo stretti in una comunità globale intessuta di storie straordinarie, fili di vari colori intrecciati insieme per comporre un’unica trama. Il percorso intrapreso a Padova e nel Veneto insieme a esperienze di Amministratori e Istituzioni ci ha riunito con un unico obiettivo: la promozione della Pace, di politiche di Pace e di tutela dei Diritti degli uomini e delle donne a ogni latitudine.

Camminando insieme ci siamo accorti che abbiamo incuriosito e avvicinato altri cittadini, altri giovani ai temi dei Diritti Umani e alla Pace, concetti che spesso vengono visti come lontani, irraggiungibili, mentre siamo sempre più coscienti di quanto la società civile può fare per avanzare verso una loro piena attuazione e tutela.

Come dichiara Sara Bin, coordinatrice del Tavolo 7 Pace, Diritti Umani e Cooperazione Internazionale all’interno di Padova Capitale Europea del Volontariato 2020 “Padova capitale è stata un anno denso per noi, nel quale abbiamo avuto modo di solidificare e allargare le nostre reti, non solo nell’ottica del “fare” ma soprattutto dell’”essere” un’espressione corale, capace di farsi portavoce di un messaggio che riguarda tutti: diritti e responsabilità sono per ognuno di noi, qui e altrove. Insieme abbiamo affrontato un cammino partecipativo, faticoso ma ricco di soddisfazioni. Abbiamo continuato nel nostro impegno di cambiamento per far sì che ogni persona possa godere di una vita giusta e dignitosa. In questo anno lo abbiamo fatto raccontandoci attraverso le parole e raccontando attraverso le immagini il mondo della cooperazione internazionale che ci vede coinvolti in Africa, Asia e America Latina. Ma soprattutto raccontandoci qui, in Italia, perché l’impegno per i diritti umani e la pace non ha confini”.

Continua Sara Bin: “Il Tavolo Pace, diritti umani e cooperazione internazionale è un’esperienza che condivido con tanti amici e amiche, colleghi e colleghe che in questo anno si sono messi in gioco e hanno creduto nella forza dell’essere e fare rete, per essere sistema pensante, per dire a tutti che la cooperazione può essere un ponte tra i mondi e tra le storie, ponte per un futuro di pace”.

All’indomani della cerimonia di chiusura dell’anno di Padova Capitale Europea del Volontariato 2020 il Tavolo 7 Pace, diritti umani e cooperazione internazionale continua ad essere sotto ai riflettori: in questo percorso unitario di enti che si spendono per la Pace, la Cooperazione e i Diritti Umani c’è posto per tutti. Sono inoltre in uscita due guide: una scritta dai giovani per i giovani che vogliono avvicinarsi alla cooperazione internazionale e una guida glocale per la Pace destinata ad amministratori locali che vogliano contribuire all’affermazione  della Pace e dei Diritti Umani”.

La Guida online dal titolo “Incontrare la Cooperazione” rivolta a giovani e studenti, vuole essere una sorta di mappa per orientare chi desidera aprirsi e condividere esperienze di volontariato, di conoscenza del mondo. Lo scopo è attivare nei giovani il desiderio di tutela dei diritti umani, di educazione alla cittadinanza globale, oltre a tenere viva la fiamma che anima associazioni e la società intera verso questi temi così rilevanti.

Un ulteriore progetto sviluppato dal  Tavolo Pace, diritti umani e cooperazione internazionale, è quello degli Stati Generali della Pace e della Nonviolenza in Veneto, con un obiettivo molteplice: contribuire alla promozione di un’educazione e di un’informazione di pace, libera da un linguaggio che incita alla violenza e all’odio, dando risalto alle notizie positive di convivenza, mutuo aiuto, solidarietà, collaborazione creativa, soluzioni ai problemi che partono dal basso, nonché realizzare una ricognizione su quanto fatto finora dalla Società Civile e dalle Istituzioni verso politiche di Pace, allo scopo di individuare le priorità per l’azione futura e rilanciare l’azione di Pace in Veneto.

In particolare il gruppo sta lavorando su un documento a favore dell’educazione alla Pace e contro il linguaggio d’odio che nel mese di marzo 2021 verrà lanciato sul sito degli Stati Generali della Pace (https://statigeneralidellapaceveneto.wordpress.com), dove sono raccolti i materiali di educazione alla Pace delle diverse realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...