Gli stati generali della pace e non violenza del Veneto


Il progetto

Il progetto è stato approvato dall’assemblea delle associazioni dell’area “pace, diritti umani e cooperazione internazionale” iscritte al registro comunale del Comune di Padova verso la fine del 2019. Nella sua realizzazione sono state coinvolte le associazioni di area pace delle altre città del Veneto e si vorrebbe inoltre coinvolgere gli attori istituzionali e cioè la Regione Veneto, la Fondazione Venezia per la ricerca sulla Pace, altre fondazioni eventuali, i Comuni

aderenti alla Tavola per la pace, l’Ufficio Scolastico Regionale (cioè la struttura territoriale del MIUR) e le scuole, le tre Università del Veneto. Gli Stati Generali della Pace e della nonviolenza saranno una occasione per elaborare una riflessione complessiva sulla pace e sulla nonviolenza in Veneto, a cui sarà richiesta una ricaduta istituzionale. Gli stati generali della pace e non violenza in Veneto vogliono quindi essere occasione per rinforzare la rete delle

associazioni e per rilanciare i temi della Pace. Mai come ora, e l’emergenza coronavirus l’ha fatto emergere, è necessario ribadire l’importanza di costruire una pace stabile. Abbiamo visto che ci servono ospedali, ricerca, cure, non armi. Abbiamo notato come si sia cercato di comparare l’azione di contrasto come fosse un’azione di guerra quando invece con la guerra nulla ha a che fare. … continua a leggere


Associazioni aderenti


“Il volontariato è ponte fra i popoli ed in particolare il volontariato internazionale impegnato per i diritti umani è manifestazione di solidarietà tra individui e tra comunità e di universalità.
Non a caso nel 2015 l’Assemblea generale delle nazioni unite ha approvato la risoluzione 70/129 con cui ha riconosciuto il volontariato come elemento chiave per la costruzione della pace e lo sviluppo, lodando “i positivi contributi del volontariato nazionale e internazionale nella prevenzione dei conflitti e la promozione della pace riaffermando l’importanza di integrare il volontariato nei processi di peace-building, prevenzione, costruzione di coesione sociale e solidarietà”

(tratto da CSV, 7 percorsi partecipativi verso Padova capitale europea del volontariato)


Gruppi di lavoro

 

Gruppo di lavoro 1
ISTITUZIONI

L’obiettivo di questo gruppo di lavoro è quello di indagare limiti e possibilità nella promozione della cultura di pace: la pace come tema scomodo e dunque da evitare; gli esempi positivi e dunque meritevoli di conoscenza e diffusione.

Gruppo di lavoro 2
MEMORIA

L’obiettivo di questo gruppo di lavoro è quello di sviluppare un nuovo paradigma di lettura della storia, per accrescere l’efficacia dell’azione di pace, ed indagare il contributo che l’urbanistica può apportare alla creazione di territori urbani di pace
 
 

Gruppo di lavoro 3
EDUCAZIONE

Gli obiettivi di questo gruppo riguardano diverse tematiche inerenti la scuola, la ricerca e l’educazione alla pace. Le proposte vanno dal rafforzamento di sinergie esistenti all’elaborazione di proposte di ricerca.

Gruppo di lavoro 4
CAMPAGNE

L’obiettivo di questo gruppo è quello di analizzare il dialogo tra informazione e pace, e il collegamento con le campagne nazionali e internazionali di pace ovvero il “glocale”.
 

Verbali e News

 


Tavolo n.7
“Pace, diritti umani e cooperazione internazionale”

VERBALI degli INCONTRI

Iniziative ed eventi
organizzati e proposti dal Tavolo n.7

NEWS
 

Articoli recenti

I Premi Nobel per la Pace assegnati alle Donne

Oslo (Norvegia), 10 ottobre 2014: Malala Yousafzai è l’ultima di 46 donne che hanno ricevuto un Nobel dal 1901 ad oggi, considerando tutte le categorie. Sono invece 16 le donne che, come la giovane pakistana, hanno vinto il premio per la Pace. Sebbene le donne premio Nobel per la Pace rappresentino solo il 10% dei … Leggi tutto I Premi Nobel per la Pace assegnati alle Donne

La Comunicazione Basata sulla Speranza

La Hope based communication, cioè la comunicazione basata sulla speranza, è una possibile soluzione al dilagare di paura, discorsi contro determinate categorie e gruppi, atteggiamenti che pongono l’enfasi sui problemi invece che sulle soluzioni. Propone azioni come mettere al centro della comunicazione la speranza al posto della paura, i discorsi costruttivi, quindi “a favore di” … Leggi tutto La Comunicazione Basata sulla Speranza

Altri articoli